Scheda

BAMBINI IN FABBRICA: I BOCIA DI EINAUDI E GOBETTI

Presentazione

Lo spettacolo racconta il lavoro minorile, molto presente nel processo di industrializzazione del Biellese, dove, negli opifici tessili dell'Ottocento e del primo Novecento i bambini erano una presenza non solo normale, ma addirittura essenziale per l'attività produttiva.
Il testo, scritto da Danilo Craveia, ruota intorno alle figure di Luigi Einaudi e Piero Gobetti. La realtà dei piccoli biellesi in fabbrica fu svelata nel 1897 da Einaudi, all’epoca giovane corrispondente de La Stampa, che, inviato nel Biellese per seguire gli scioperi in corso, si rese conto della portata di quest’altro fenomeno. Nel 1924 Gobetti pubblicò i testi di quell’inchiesta nel volume “Le lotte del lavoro”. Il racconto teatrale immagina quindi i due personaggi che, impegnati nella correzione delle bozze, rievocano, attraverso una serie di flashback, gli incontri che il giovane Einaudi fece nel Biellese con operai, imprenditori, gente comune, donne e naturalmente i “bocia”, termine con cui s’identificavano i piccoli operai.


SCENE E INTERPRETI

EINAUDI E GOBETTI NEL 1923
Paolo Zanone e Giuseppe Marrone

L'ARRIVO A VALLEMOSSO
Duccio Zanone e Marco Strona

IL BOCIA E IL CARRETTIERE
Frankino Bertuzzi, Roberta Di Lanzo e Duccio Zanone

LA FAMIGLIA E LA TERRA
Frankino Bertuzzi, Leonardo Folcia, Enrico Linty, Floriana Malagnino e Duccio Zanone

GLI INDUSTRIALI
Gianluca Marchi, Mattia Pecchio e Duccio Zanone

SUI BAMBINI LAVORATORI
Alfredo Barausse e Claudio Folli

LE MADRI DI COGGIOLA
Eleonora Battaglia (Ilaria Gariazzo), Hillary Porta, Annalisa Zini e Duccio Zanone

Regia:

Veronica Rocca

Testi:

Danilo Craveia

Luci:

Roberto Perin

ARS Teatrando - Via Ogliaro, 5 - 13900 Biella
Cell.: 333-5283350 - Fax: 015-881972
e-mail: teatrando@teatrandobiella.it
Iscrizione UILT: 286/12